esempio foto uno

Chi siamo

La B.S.B prefabbricati s.r.l., che fa parte dal 2005 del gruppo Bellicchi Dante, nasce nel 1981 dal settore prefabbricati dell’Impresa Edile Bellicchi Dante, che dal 1957 ha sempre operato nel campo dell’edilizia sia civile sia industriale. Per gli specifici orientamenti produttivi l’azienda si è subito distinta, specializzandosi in alcune linee produttive :

  • Cabine elettriche prefabbricate (fornitore ufficiale ENEL)
  • Centrali di decompressione gas metano
  • Prefabbricati industriali e zootecnici
  • Vasche di contenimento per liquidi
  • Box prefabbricati uso ufficio,spogliatoi,bagni pubblici

esempio foto 2

Grazie all’esperienza acquisita in numerose realizzazioni, alla costante attenzione allo sviluppo e utilizzo di nuovi materiali e tecnologie, la B.S.B. prefabbricati si è rapidamente portata in una posizione di rilievo sul mercato nazionale. Nel 1997 a causa della forte concorrenza, ed all’impossibilità di ridurre i costi per riallinearsi sul mercato, avviò una serie di sperimentazioni finalizzate all’utilizzazione di nuovi materiali recuperati da rifiuti, per produrre materiali di qualità e a basso costo da impiegare nell’edilizia pubblica e privata. L’anno successivo visto il buon esito di tali sperimentazioni si decise di procedere alla realizzazione di un impianto specifico per il recupero dei rifiuti prodotti dai termovalorizzatori identificati con il codice europeo C.E.R 19.01.12 (“Ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 19.01.11.”); detto impianto è stato successivamente autorizzato dalla Provincia di Parma secondo gli articoli 27 e 28 del Decreto Legislativo n. 22 del 05.07.1997, con la Determinazione del Dirigente nr. 2525 del 08.10.1999 e successive modificazioni. La B.S.B, con il nuovo impianto, ha attivato un processo industriale che utilizzando i suddetti rifiuti come materia prima, è stata in grado in questi anni di attività di produrre materiali di elevata qualità per impieghi nell’edilizia pubblica e privata. I rifiuti così recuperati pertanto non sono più stati destinati alle discariche. Detto impianto è il primo in Europa che effettua tale lavorazione; per questo motivo, dopo il rodaggio dei primi anni di attività è stato avvallato in diverse conferenze da esponenti del Ministero dell’Ambiente, dalle autorità competenti locali e infine dal CONAI, che nel 2005 ha avviato una stretta collaborazione con la nostra società finanziandoci a fondo perduto un impianto ausiliare per estrarre tutto l’alluminio ed il ferro contenuto nelle scorie. Tale collaborazione è sfociata in pochi mesi in un vero e proprio successo, tale da innescare un volano pubblicitario che diversi quotidiani a tiratura nazionale e riviste di settore a livello europeo hanno voluto pubblicare di loro iniziativa i nostri impianti.